Sede legale:Via Laurentina, 124 - 00071 Pomezia (RM)
06.9115070 cell. 330 274262

Egregio Presidente,

chi le sta scrivendo è il Presidente Nazionale dell’Ente Teatro Amatoriale Italiano (in sigla T.A.I.).

Sino ad oggi non è stata mia intenzione contestare quanto da Lei, e dai componenti del Consiglio dei Ministri, deliberato con i vari decreti che hanno creato non poche difficoltà ai nostri iscritti.

Avevo sempre ritenuto che le vostre iniziative fossero le più giuste per giungere ad una sconfitta del virus circolante in Italia, in Europa e nel mondo.

Tutti i nostri scritti anche tra mille difficoltà finanziarie hanno appoggiato le iniziative del Governo ma, purtroppo, i Vostri DPCM si sono susseguiti senza soste e, quest’ultimo, decorrente da oggi 26 ottobre ha dato il colpo finale di mannaia ai componenti del Teatro amatoriale ed ai circoli associati.

Ho seguito nei vari telegiornali e sulle trasmissioni dedicate tutti i chiarimenti da Lei dati al popolo italiano ma non ho mai sentito di fondi di solidarietà o ristori per i nostri associati.

Il Teatro Amatoriale ha subito un danno indescrivibile ma Voi avete pensato a impegnare fondi per l’acquisto di monopattini senza impegnare fondi per tutti gli operatori del Teatro o delle Associazioni no-profit a noi iscritti.
Penso sia inutile ricordarle che tutti, ognuno per il proprio settore, usufruisce di locali che sono in locazione e i nostri assistiti hanno dovuto mettersi le mani in tasca per far fronte alle varie spese inerenti la gestione dell’associazione parliamo di locazioni, utenze varie che sarebbero state disattivate in caso di morosità, ecc.
Oggi le tasche dei nostri assistiti SONO VUOTE e l’essere sfrattati aumenterà ancora di più il danno sino ad oggi sopportato.

Voler elencare tutti i danni derivanti dal fermo delle nostre associazioni mi sembra superfluo ma a titolo indicativo Le ricordo che dietro ad ogni associazione o compagnia teatrale vi sono vari indotti commerciali sui quali stanno ricadendo i problemi che Le ho indicato.
Cercando di essere breve Le indico quale è la nostra unica richiesta attuale molto seria dove nessuno del Consiglio sicuramente ha pensato.
E’ necessario che vengano assunti provvedimenti seri ed urgenti in merito alle locazioni che gravano su tutti i nostri iscritti che già Le ho indicato.
Se non interverrà un dispositivo che permetta il NON pagamento della locazione relativa a questo periodo oltre alle varie utenze (Luce, acqua, gas, ecc) che contenga anche la possibilità da parte dei vari proprietari degli stabili, di portare in detrazione sulla loro denuncia del reddito degli importi non versati e, quindi, persi le varie compagnie teatrali e associazioni no-profit si vedranno costretti a lasciare gli immobili mettendo sulla strada tutti coloro che fanno parte delle citate associazioni e mettendo anche in difficoltà coloro che fino ad oggi avevano fornito beni e prodotti per la ristorazione.
Questa piccola lettera è scaturita anche da tante sollecitazioni da parte di TUTTI i nostri iscritti che sono decine di migliaia sparse in tutto il territorio nazionale.
Non voglio parlare di voti ma tutto questo sicuramente avrà anche una ritorsione politica che si vedrà presto.
Attendo di sapere Sue cortesi, urgenti, notizie in merito.

Pomezia li 28/10/2020

Presidente Nazionale T.A.I.
Riccardino Lisi

Versione stampabile in PDF
Lettera aperta al presidente del Consiglio – 28 ottobre 2020

0 Comments